Rapporti con le Aziende

Avere rapporti stabili con le realtà produttive di un territorio così complesso, come quello torinese, è tutt'altro che facile. I profondi cambiamenti economici-sociali e la crisi del sistema produttivo hanno modificato il quadro di riferimento a cui la scuola si è sempre ispirata per orientare la propria azione e per uniformare i propri curricoli.
Nell'arco di pochi anni tutto il sistema di riferimento si è modificato e probabilmente, diventa prioritaria la ridefinizione delle competenze a cui fa riferimento il mondo del lavoro.
   

La partecipazione a progetti mirati all'incontro tra scuola e il sistema delle imprese (progetto Scuola Impiego dell'Unione Industriale di Torino) pone l'accento sulle competenze-trasversali come strategiche per la determinazione delle professionalità.

http://www.scuolaimpiego.it/home_new.cfm

L'istituto colloca i propri diplomati attraverso una serie di iniziative dirette (rapporti con responsabili aziendali al fine di individuare il profilo desiderato tra i candidati) e indirette (trasmissione dei curriculum vitae ad agenzie per il lavoro, avviso dei concorsi).

Considerando che la preparazione fornita permette il proseguimento degli studi (la maggior parte degli studenti opta per questa opzione) e che il numero di studenti disponibili al collocamento sono a volte esigui, l'istituto si è trovato a non poter rispondere alle richieste da parte delle aziende. Quando l'orientamento degli studenti, rispetto a queste opzioni, sono state esplicitate chiaramente nel corso dell'ultimo anno, questi sono stati avviati alle selezioni presso le aziende dando l'opportunità ad entrambi di incontrarsi e conoscersi.

Anche il corso serale, progetto Sirio, per Chimici Industriali si è ben inserito in questo contesto permettendo la sperimentazione di ricollocamenti di lavoro (in ambito chimico) già a partire dal penultimo anno di studi.

Queste iniziative ci stanno permettendo la ricostruzione di un quadro produttivo di riferimento, molto più attendibile di quello passato, utile per lo sviluppo della specializzazione.

Per quanto riguarda la Sezione Professionale, l'area professionalizzante prevista dall'alternanza scuola-lavoro costituisce un importante spazio del percorso di diploma dell'istituto professionale. Attraverso l'integrazione con il sistema della formazione regionale, si possono sviluppare proficuamente la flessibilità organizzativa e quel rapporto con il territorio che è destinato a divenire sempre più ampio ed organicamente strutturato. Questa modalità organizzativa, prefigurata dai nuovi ordinamenti scolastici al fine di favorire la diffusione della cultura del lavoro nella scuola e l'occupazione degli studenti, si attua attraverso un modulo biennale della durata complessiva di 132 ore, che si conclude con un esame alla presenza di una Commissione regionale composta di rappresentanti delle forze economiche e sociali, dei Ministeri del Lavoro e della Pubblica Istruzione. Agli studenti che l'abbiano superato viene rilasciato un attestato di qualifica regionale che si aggiunge al diploma di Stato.

L'insegnamento degli strumenti informatici, la formazione alla sicurezza ed alla ricerca attiva del lavoro sono altri importanti caratteri distintivi di questo segmento formativo ma l'aspetto più qualificante di quest'area è il tirocinio formativo e di orientamento che tutti gli studenti al termine del quarto anno svolgono per presso laboratori ed aziende.

A riguardo sono attivi da tempo accordi con l'API-FORM (Associazione Piccola Industria-Formazione), reti di scuole ed agenzie formative, le ASL, la Camera di Commercio di Torino.